Accesso Soci



  • Password dimenticata?
    Contatta la segreteria...
 91 visitatori online
Accordo rinnovo CCNL Grafico-Editoriale 1 luglio 2011-31 marzo 2013 PDF Stampa E-mail
Martedì 31 Maggio 2011 00:00

Il 30 maggio 2011 si è conclusa la trattativa per il rinnovo del c.c.n.l. scaduto il 31 marzo 2010.

La durata inusuale della trattativa è stata determinata dalla concomitanza di diversi fattori, quali la pesante e perdurante crisi dei settori, la richiesta iniziale di un percorso di accorpamento del contratto con quello degli stampatori di giornali quotidiani, la definizione di trattamenti minimi per le figure di lavoro autonomo utilizzate in ambito editoriale, l’accentuata disomogeneità tra le aziende rientranti nel campo di applicazione del contratto che comporta valutazioni non sempre coincidenti sulle soluzioni compatibili, le tensioni che attraversano le nostre controparti che risentono del deterioramento delle relazioni tra le loro Confederazioni.

Comunque alla fine, con il senso di responsabilità di tutte le Parti che hanno evitato la drammatizzazione delle divergenze e hanno sempre continuato a ricercare con determinazione una conclusione condivisa, è stata trovata una soluzione che riteniamo equilibrata, che si colloca all’interno dei principi e delle norme dell’Accordo Interconfederale del 2009 e che ha consentito di salvaguardare il sistema di relazioni industriali orientato alla collaborazione che rimane una risorsa della nostra filiera.


Forniamo una sintesi delle principali modifiche ed innovazioni.

La parte economica prevede un aumento a regime di 110,00 euro per il livello B/3.

Ricordiamo in proposito che questo è il primo rinnovo in cui viene utilizzato come livello baricentrico il B/3 in quanto, come si ricorderà, in tutti i rinnovi precedenti era stato considerato baricentrico il livello C/1.

L’aumento è suddiviso in tre tranche: 35,00 euro dal 1° luglio 2011; 40,00 euro dal 1° gennaio 2012; 35,00 euro dal 1° gennaio 2013.

L’una tantum, a copertura del periodo 1° aprile 2010-30 giugno 2011, è stata determinata forfettariamente in 362,66 euro da corrispondersi, per il 50% con la retribuzione del mese di luglio 2011 e per il restante 50% con la retribuzione del mese di febbraio 2012.

Infine, in applicazione della previsione dell’Accordo interconfederale del 2009, è stato istituito l’elemento di garanzia retributiva nella misura di 250,00 euro a decorrere dal 2012 per i dipendenti di aziende che non abbiano mai fatto contrattazione di II livello e che non abbiano ricevuto negli ultimi tre anni alcun trattamento economico aggiuntivo alle spettanze contrattuali.

Per quanto riguarda la parte normativa, va segnalata la significativa prosecuzione del lavoro di modernizzazione delle clausole contrattuali che ha sempre contraddistinto i nostri rinnovi.

Indichiamo di seguito le modifiche di maggiore rilevanza:

  • l’introduzione della “Flessibilità tempestiva” per fronteggiare le improvvise e imprevedibili variazioni  dei flussi di lavoro nel breve termine. L’istituto è attivabile direttamente dalle aziende nei limiti di un pacchetto di 64 ore annue senza la necessità di accordi o procedure con la RSU;
  • la possibilità di gestione con accordo aziendale delle quote di gratifica natalizia e 13a mensilità eccedenti la mensilità nell’ambito della contrattazione di II livello in vigenza della legislazione che prevede un regime fiscale agevolato. L’utilizzo di questa possibilità determina il non computo degli importi in esame ai fine della determinazione del TFR. Inoltre, per i nuovi assunti fino a 5 anni di anzianità, la gratifica natalizia e la 13a mensilità sono pari ad una mensilità;
  • la non applicabilità ai nuovi assunti di tutti gli oneri aggiuntivi (importi mensili, maggiorazioni, riposi retribuiti e ferie) previsti dalla parte VI per la stampa di periodici in rotocalco. Inoltre, per il personale in forza è prevista l’assorbibilità di detti oneri nell’ambito della contrattazione di II livello;

la revisione del trattamento di malattia:

  • con il miglioramento della tutela per le malattie lunghe;
  • con l’estensione del criterio della sommatoria, già previsto per il raggiungimento del periodo massimo di conservazione del posto, anche al periodo massimo di trattamento economico;
  • con l’inserimento di una forma di penalizzazione per le assenze fino a 3 giorni;
  • l’ampliamento dei casi di mobilità interna che possono essere disposti direttamente dalla azienda senza necessità di alcun tipo di confronto con la RSU; 
  • introduzione di una disciplina del cambio di squadre nei lavori a turni che garantisce la permanenza sul posto di lavoro del lavoratore smontante per un minimo di due ore in caso di assenza del collega che avrebbe dovuto dargli il cambio;
  • l’ampliamento delle lavorazioni con caratteristica di stagionalità ai fini della reiterabilità dei contratti a termine;
  • la rielaborazione dell’articolo sulla disciplina del lavoro al fine di rendere più chiara la corrispondenza tra le mancanze e le sanzioni.

In attuazione di quanto previsto dal precedente contratto, è stata definita l’istituzione di un Fondo sanitario integrativo a decorrere dal 2013.

Al Fondo, che non riguarda le aziende che abbiano già in atto forme di assistenza integrativa, sono iscritti automaticamente per il primo anno tutti i dipendenti disciplinati dal c.c.n.l.Il contributo per il funzionamento del fondo, che solo per il primo anno è interamente a carico dell’azienda, è di 120,00 euro all’anno. Successivamente il contributo sarà suddiviso tra aziende e dipendenti nella proporzione 70%-30%.

Da ultimo, al fine di evitare di affrontare nuovamente le difficoltà incontrate in questo rinnovo, una norma transitoria impegna le Parti a riconsiderare la struttura del c.c.n.l. per renderla compatibile con le diversità esistenti all’interno del campo di applicazione.

Per quanto riguarda il lavoro autonomo in ambito editoriale, in un Protocollo d’intesa separato dal c.c.n.l. è stato assunto l’impegno a costituire una commissione che ha il compito di verificare la praticabilità e le eventuali modalità di applicazione alle varie tipologie di lavoro autonomo di forme di tutela sanitaria, comunque su base volontaria.

Richiamiamo l’attenzione sulla clausola che subordina l’applicabilità del contratto alla firma definitiva prevista entro l’ultima settimana di giugno.

L’Accordo di rinnovo è stato firmato anche da UGL.

Ci riserviamo di dare tempestiva informativa della applicabilità del contratto e di inviare, come di consueto, una nota dettagliata di tutte le innovazioni e modifiche introdotte con il rinnovo.

Protocollo d'Intesa 

Accordo firmato SCL CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL

Accordo firmato UGL

 
blank blank blank
ASSOGRAFICI

Associazione Nazionale Italiana
Industrie Grafiche Cartotecniche e Trasformatrici

aderente a:
CONFINDUSTRIA, INTERGRAF, CITPA

Gruppo Italiano Produttori Etichette Autoadesive
Piazza Castello, 28 - 20121 Milano
Tel. +39 02 4981051 - Fax +39 02 4816947
gipea@gipea.net